Mura venete di Bergamo Alta

Richiedi un preventivo gratuito › Scopri di più

Bergamo si veste a festa dopo il verdetto tanto atteso che ha proclamato le Mura venete patrimonio dell’Unesco il 09 luglio 2017.

Dopo l’annuncio ufficiale a Cracovia alla presenza della delegazione orobica, sono scattati i festeggiamenti in città; alle 13.00 il Campanone ha battuto cento colpi e sono iniziati a comparire striscioni che celebrano lo storico traguardo inseguito da tre amministrazioni.

Le mura difensive, lunghe 6 km e 200 metri, furono costruite dalla Repubblica di Venezia fra il 1561 e il 1588 (anche se inizialmente si prevedeva di terminarle in un anno). Proteggono la parte collinare della città, che da allora è definita come Bergamo Alta e nonostante i sotterranei, i passaggi militari, le 200 bocche di fuoco e le cannoniere (due delle quali ancora visitabili) non hanno mai dovuto affrontare assedi.

Sono quattro le porte di accesso a Bergamo Alta: Sant’Agostino, San Giacomo, Sant’Alessandro e San Lorenzo (quest’ultima intitolata in seguito a Giuseppe Garibaldi che vi passò con i suoi Cacciatori delle Alpi nel 1859, quando Bergamo fu annessa al regno di Sardegna). Il percorso lungo le mura è diventata una delle passeggiate preferite dei visitatori che possono scoprire la città alta e nel frattempo ammirare anche il paesaggio circostante.


Siamo a vostra completa disposizione dal lunedì al sabato; per scoprire tutti i dettagli dei pacchetti proposti chiamaci allo 030/396161 o invia un'e-mail a info@myunesco.it

[leggi tutto]